La patria come espressione di una società ricca di cultura, tecnica, gusto, senso umano, solidarietà, alte idealità civili

“Il nostro Paese è appena uscito, in forza di una responsabile visione delle necessità dell’ora e di una spontanea disciplina sociale, da una grave crisi economica e sta per riprendere la via dello sviluppo. E’ apparsa evidente ancora una volta la somma delle virtù morali e civili del nostro popolo, quelle stesse che hanno consentito di affrontare le grandi prove e le difficili vicende della nostra tormentata storia nazionale. E’ apparsa evidente ancora una volta la ricchezza di capacità imprenditoriali, di genialità creatrice, di risorse intellettuali e tecniche, di forza di lavoro per la quale il nostro Paese ha potuto allinearsi in civile competizione accanto alle più grandi e prospere nazioni del mondo ed inserirsi senza umilianti disparità ed anzi con successo nell‟ambito della Comunità economica europea. Il volto dell’Italia è cambiato mediante l’emergere di, talvolta insospettate, risorse e nell’atmosfera stimolatrice che le nostre libere istituzioni hanno creato. Possiamo ritenere che l’Italia, nella vita democratica, nell’esercizio di civile responsabilità che ricadono su tutti possa diventare più ricca, più giusta, più viva. E che anzi il progresso, se sapremo non sbagliare, sarà più generalizzato e più stabile che non sia stato in passato. Possiamo ritenere che non si pongono dinanzi solo mete, pur altamente apprezzabili, di benessere e di giustizia, ma idealità morali e civili e che la nostra sia sempre più una società ricca di cultura, di tecnica, di gusto, di senso umano, di solidarietà, di alte idealità civili, la Patria è appunto espressione della ricchezza, di una siffatta ricchezza della comunità nazionale.”

(Aldo Moro, discorso alla Fiera internazionale dell’Agricoltura di Verona, 12 marzo 1967)

One comment

  • Francesca
    22 novembre 2011 - 6:46 pm | Permalink

    Grazie ai curatori di questo blog e grazie in particolare a Daniele Mezzana che lo ha fatto conoscere.

  • Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>